30 giorni senza zucchero 21

C’era quest’uomo, in tuta da meccanico e sogni da pilota, con un cocomero di panza completamente sporco d’olio. In piedi di fianco al suo pick-up parzialmente smontato, appoggiato a un ricordo di tanti anni fa nel suo garage in Lebleu Street. Ed il sole delle quattro ne appiattiva i contorni rendendo quell’immobilità il dagherrotipo dellaContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 21”

30 giorni senza zucchero 20

Da quando ora mancano dieci giorni alla fine del programma 30GSZ, mi chiedo come continuerò dopo la fine. E se ieri è stata una giornata larvale, dove le poche ore di luce rimastemi dopo il lavoro sono trascorse in casa in arrovellamenti carpiati, anche se produttivi – che non è scontato, oggi invece si èContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 20”

30 giorni senza zucchero 19

Lo skyline della collina del Surrey, in questi tramonti rossi d’Ottobre, taglia fuori tutto il mondo ulteriore; ti convince che oltre di esso non vi sia più nulla e puoi stare lì a guardarlo fino a mescolarsi alla notte, catturato dalla promessa di un inesplorato. Wondering about planet Mars and his lands… terre desolate diContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 19”

30 giorni senza zucchero 18

Questa mattina sono uscito dal lavoro prima delle 8:00, che è una cosa sensazionale. Non che sia completamente contento, visto che mi pagano a ore, ma lo ero abbastanza da non voler rimenere chiuso nello stabilimento più del tempo dovuto. Oltre la gobba della discarica il giorno nasceva e O. era uscito dall’ingresso urlando ilContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 18”

30 giorni senza zucchero 17

C., la ragazza che lavora nello shop del forno, è venuta in reparto produzione a dirmi “Questi sono di sabato e non li posso vendere, potete portarli a casa.” Mi stava cogliendo un principio di iperventilazione vedendo i quattro sacchetti pieni di croissant, pain aux chocolat, pain aux raisins… Nelle successive cinque ore, chino sullaContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 17”

30 giorni senza zucchero 16

Correvano a perdere il fiato, lanciando nel vento la terra che vibrava, fianco a fianco in un unico spasmo collettivo. Perché anche se montano selle di colore diverso, anche se i loro fantini gareggiano per vincere, loro corrono e basta. Attualmente, gli sport equestri sono le uniche attività nei quali l’animale sembra godere di piùContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 16”

30 giorni senza zucchero 15

Mi sono bloccato per un momento, mentre il vento era freddo e il sole faceva quel che poteva per scaldarci, a fissare il grosso albero giallo. Tra tutte le altre piante sempreverdi, lungo il sentiero sulla spiaggia di Spanish Banks ce n’era uno caduco e il suo giallo risaltava su tutto. Era bello. E daContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 15”

30 giorni senza zucchero 14

La posso vedere, chiaramente delinearsi, la routine della mia Vancouver. Credo che ci volesse una città perché potesse succedere. I posti attorno a casa dove fare la spesa, il parco dove andare a correre, il sempre meno frequente uso degli orari per beccare i bus. Ed è piacevole. Come risulta piacevole una cosa nuova, fresca,Continua a leggere “30 giorni senza zucchero 14”

30 giorni senza zucchero 13

Fortunatamente faccio un lavoro dove mi muovo molto e non è facile fermarsi abbastana da addormentarsi. Nei primi momenti di questa mattina avrei corso veramente un grosso rischio altrimenti. Negli ultimi giorni sto educando il mio corpo e la mia mente all’ascolto della sensazione di fame, che è molto cambiata da quando ho iniziato iContinua a leggere “30 giorni senza zucchero 13”

Quando la Scozia ha curato il mio corpo

Ho incontrato Christine per la prima volta a Glasgow, lunedì pomeriggio. Ci siamo dati appuntamento davanti alla statua degli amanti in partenza di Buchanan Bus Station. Come per tutta la permanenza alla fattoria, quel pomeriggio ho capito solo un terzo delle cose che mi ha detto. La mia comprensione dell’inglese parlato non era affatto buona.Continua a leggere “Quando la Scozia ha curato il mio corpo”